Ngugi wa Thiong’o: our favourite quotes

Ngugi wa Thiong’o: le nostre citazioni preferite

We have been looking forward to meeting Ngugi wa Thiong’o at Incroci di Civiltà and during our waiting we selected some of our favourite thoughts of his.

In occasione dell’incontro con lo scrittore e attivista politico Ngugi wa Thiong’o, vi riproponiamo sul nostro sito le citazione da noi selezionate nell’attesa della conversazione con lo scrittore ad Incroci di Civiltà.

“If a novel is written in a certain language with certain characters from a particular community and the story is very good or illuminating, then that work is translated into the language of another community – then theybegin to see through their language that the problems described there are the same as the problems they are having. They can identify with characters from another language group.”
“Se un romanzo è scritto in una determinata lingua con determinati personaggi provenienti da una specifica comunità e la storia è particolarmente buona o illuminante, allora quella storia viene tradotta nella lingua di un’altra comunità. A quel punto quella comunità inizia a vedere attraverso la propria lingua che i problemi descritti là sono gli stessi che hanno loro. E allora possono identificarsi con i personaggi appartenenti ad un diverso gruppo linguistico.”

 

~~~

 

“Being is one thing; becoming aware of it is a point of arrival by an awakened consciousness and this involves a journey.”
In the Name of the Mother: Reflections on Writers and Empire
“esistere è una cosa; diventarne consapevoli è un punto di arrivo di una coscienza risvegliata e ciò richiede un viaggio.”

In the Name of the Mother: Reflections on Writers and Empire

 

~~~

 

“Many people do not know that Jesus did not speak Latin or English or Hebrew; he spoke Aramaic. But nobody knows that language. So we’re talking about the Bible itself being a translation of a translation of a translation. And, in reality, it has affected people’s lives in history.”
“Molte persone non sanno che Gesù non parlava Latino o Inglese o Ebraico; parlava Aramaico. Ma nessuno conosce questa lingua. Quindi noi parliamo della Bibbia che è lei stessa la tradizione di una traduzione di una traduzione. E, nella realtà dei fatti, ha influito sulla vita delle persone nel corso della storia.”
~~~

 

“Stories, like food, lose their flavor if cooked in a hurry.”
Wizard of the Crow
“le storie, come il cibo, perdono il loro sapore se cucinate in fretta.”
Wizard of the Crow

 

~~~

 

“Our lives are a battlefield on which is fought a continuous war between the forces that are pledged to confirm our humanity and those determined to dismantle it; those who strive to build a protective wall around it, and those who wish to pull it down; those who seek to mould it and those committed to breaking it up; those who aim to open our eyes, to make us see the light and look to tomorrow […] and those who wish to lull us into closing our eyes.”
“Le nostre vite sono un campo di battaglia, sul quale si combatte una guerra inestinguibile tra le forze che sono garanti della nostra umanità e quelle determinate a smantellarla; quelli che si battono per costruire delle mura protettive intorno al campo, e quelli che vogliono buttarle giù; quelli che cercano di modellarle e quelli che si impegnano a romperlo; quelli che ambiscono ad aprirci gli occhi, per farci vedere la luce del domani […] e quelli che vogliono cullarci nel chiudere i nostri occhi.”
~~~

 

“He carried the Bible; the soldier carried the gun; the administrator and the settler carried the coin. Christianity, Commerce, Civilization: the Bible, the Coin, the Gun: Holy Trinity”.
Petals of Blood

 

“Lui portava con sé la Bibbia; il soldato portava la pistola; l’amministratore e il colonizzatore portavano la moneta. Cristianità, Commercio, Civilizzazione: la Bibbia, la Moneta, la Pistola: la Santa Trinità”.
Petals of Blood

 

~~~

 

“If poverty was to be sold three cents today, I can’t buy it.”
I Will Marry When I Want
“Se la povertà costasse tre centesimi oggi, non potrei comprarmela.”

Mi Sposerò Quando Vorrò

 

~~~

 

“The condition of women in a nation is the real measure of its progress.”
Wizard of the Crow
“la condizione delle donne in una nazione è la vera misura del progresso.”
Wizard of the Crow

 

~~~

 

“We can appreciate each other’s languages. And the question of being uncomfortable about our languages would go away”.
“E’ possibile apprezzare le lingue degli altri. e se ci riusciamo, il disagio verso le altre lingue va scemando”.

 

~~~

 

“Belief in yourself is more important than endless worries of what others think of you. Value yourself and others will value you. Validation is best that comes from within.”
Dreams in a Time of War
“Credere in se stessi è più importante di preoccuparsi in continuazione di cosa pensano gli altri di te. Credi in te stesso e gli altri crederanno in te. Il miglior tipo di auto conferma è quella che viene da noi stessi.”
Sogni in Tempo di Guerra

 

~~~

 

“Our fathers fought bravely. But do you know the biggest weapon unleashed by the enemy against them? It was not the Maxim gun. It was division among them. Why? Because a people united in faith are stronger than the bomb.”
A Grain of Wheat

 

“I nostri padri hanno combattuto con coraggio. Ma sai qual è la più grande arma scatenata contro di loro dal nemico? Non è stata la pistola Maxim. E’ stata la divisione tra loro. Perché? Perché un popolo unito nella fede è più forte di una bomba.”
Un Chicco di Grano

 

~~~

 

“Our people think: I, Wangari, a Kenyan by birth – how can I be a vagrant in my own country as if I were a foreigner.”
Devil on the Cross

 

“la nostra gente pensa: ‘io, Wangari, un keniota di nascita – come posso essere un vagabondo nella mia terra come se fossi uno straniero?’”

Devil on the Cross

 

~~~

 

“What is translated from English and into English -and in what quantities- is a quesion of power.”

“Cosa viene tradotto dall’inglese ed in inglese – e quanto – è una questione di potere.”

 

~~~

 

“To starve or kill a language is to starve and kill a people’s memory bank.”

“Affamare o uccidere una lingua significa affamare e uccidere la riserva di memoria di un popolo.”

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...